“Nessuno escluso”, per davvero: la Regione Lazio lancia il bonus per studenti e tirocinanti

L’emergenza non spegne le speranze giovanili: in arrivo i finanziamenti regionali per le categorie colpite

Circa 40 milioni di euro per andare avanti. E’ questa la strada tracciata dalla Regione Lazio per non abbandonare la gran parte delle categorie a rischio in questa emergenza Covid-19. Dal nome “Nessuno escluso”, il finanziamento abbraccia la stragrande maggioranza dei giovani, fra tutele per i lavoratori più esposti (i rider), inoccupati, tirocinanti e studenti. Una piramide d’aiuti economici, scaglionati in date diverse per la richieste, che vanno dai 24 milioni per i disoccupati ai 5 per i tirocinanti, fino al 1,6 milioni per i DPI dei fattorini, riferibili sempre alla piattaforma generazioniemergenza.laziodisco.it. Ma cosa ci si aspetta per ogni categoria? Vediamole nel dettaglio.

Le varie forme di sostegno varate dalla Regione Lazio 

I disoccupati o sospesi dal lavoro, non aventi diritto ad alcuna forma di sostegno (ammortizzatori o reddito di cittadinanza), al pari dei tirocinanti extra-curriculari obbligati all’interruzione dal 23 Febbraio 2020, percepiranno un contributo di 600 euro. Cambiano solamente le modalità di presentazione, dato che per i primi la richiesta potrà essere inviata dalle 9 del 7 maggio, mentre per i secondi dal 4 Maggio.

I rider, invece, potranno accedere ad un bonus di 200 euro dal 6 Maggio per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale,  per un investimento complessivo inferiore ai 2 milioni di euro.

Grande trepidazione, invece, per gli studenti universitari, pronti a completare la rivoluzione digitale, con un contributo di circa 250 euro una tantum per acquisto di PC/Notebook, tablet, schede SIM, strumentazione per il collegamento a Internet acquistati dal 1° febbraio 2020. Le loro richieste, però, potranno essere spedite dalle 9 di domani, venerdì 8 maggio, sempre sulla medesima piattaforma.

Come presentare la domanda per il contributo della Regione Lazio

Attraverso il modello esemplificativo scaricabile sul sito della regione in versione DOC per poi essere spedito via PDF, ogni categoria dovrà rispettare requisiti propedeutici all’accesso del contributo, da quelle universali (domicilio/residenza nella Regione, cittadinanza italiana/europea o extra-europea con regolare permesso di soggiorno, numero del conto corrente bancario/postale  + documento d’identità in allegato) a quelle prettamente più specifiche per ogni categoria. In particolare sarà necessario dimostrare l’appartenenza a un’azienda della Regione Lazio per i tirocinanti, così come è imprescindibile il contratto di lavoro in vigore con partita IVA e il mantenimento dei giustificativi di spesa per i controlli delle autorità regionali almeno 5 anni per i rider. Discorso diverso per gli ex-lavoratori/disoccupati e gli studenti, che dovranno dimostrare l’ISEE 2019 inferiore ai 20.000 euro e far risultare nel primo caso la tipologia di attività non svolta per cause maggiori (DPCM) o la disoccupazione, mentre per gli studenti un’autocertificazione che dimostri l’iscrizione entro il 31/12/2019 presso un’Ateneo della Regione Lazio, oltre ai giustificativi di spesa già accennati per i rider.

Per ulteriori chiarimenti, la Regione Lazio predilige due soluzioni assistenziali, dalle chiamate ai numeri 06-49701850 / 06-49701 (lun-ven, 9.00 – 16.00;  festivi 9.00-14.00) alla mail per informazioni generali a nessunoescluso@laziodisco.it o  di carattere tecnico a assistenza@generazioniemergenza.laziodisco.it

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *