E’ volontariato… non un lavoro

Il servizio offerto dalla Sapienza risulta troppo impegnativo per essere una semplice collaborazione volontaria, meglio puntare su una borsa di collaborazione.

Il mondo del lavoro in Italia sta passando uno dei suoi momenti peggiori, tra disoccupazione dilagante ed offerte con richieste al limite della legalità. La Sapienza nel corso degli anni è intervenuta spesso, venendo incontro agli studenti che non riuscissero a mantenere le proprie spese universitarie con borse di studio e di collaborazione. Purtroppo queste agevolazioni hanno una disponibilità molto limitata, basti pensare a quanti ragazzi rimangono esclusi dal taglio della tasse per semplici questioni di Isee o di esaurimento dei posti per un piccolo impiego come collaboratore. Negli ultimi anni però, l’ateneo ha avviato qualche iniziativa non del tutto comprensibile, come il bando per svolgere servizio di volontariato all’interno della Sapienza. Fin qui nulla di strano, se non fosse che gli obblighi da rispettare durante il periodo di collaborazione siano davvero svantaggiosi: il regolamento prevede tre ore di lavoro che vanno dalle 10 alle 13 dal lunedì al venerdì per ben 12 mesi. La cosa sembra ancora più assurda confrontandola con i regolamenti di una borsa di collaborazione, stessi giorni ma con un rimborso spese di 1100 euro e la possibilità di gestire le ore a proprio piacimento, permettendo all’interessato una volta terminato il suo tetto massimo orario di terminare il rapporto lavorativo. Si potrebbe obiettare che la parola volontariato implichi una prestazione lavorativa svolta a titolo gratuito, ma la durata del servizio in questo caso dovrebbe essere proporzionato in modo più consono, magari riducendo i giorni da cinque a tre permettendo all’interessato di poter svolgere nel tempo libero un lavoro che gli permetta di avere un piccolo sostegno economico. Per chi volesse saperne di più può trovare tutte le informazioni inerenti ai differenti tipi di collaborazione con la Sapienza direttamente sul sito dell’ateneo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *